chiacchiere infagottate | carnevale 2013

SONY DSC

Fino a martedì grasso solo fritti ve lo avevo detto ….. dopo, superato il sanvalentino c’è la lunga discesa verso la pasqua e quindi i compleanni primaverili, le crostate di frutta, i primi gelati, le bavaresi e tanto altro. Ma scordatevi che possa parlare di dolci light, cosette dietetiche e simili, mi occupo di dolci per cui non posso nascondermi dietro un granello di zucchero, no? Al più posso dirvi di trovarvi un’occupazione giardinesca e spalare un po’ di terra o alzare qualche vaso per sentirsi meno in colpa verso la rassegnata bilancia.

Oggi ci occupiamo delle classiche frappe o chiacchiere o come sono chiamate nei tanti nomi dei tanti dialetti della nostra penisola.

Le ricette sono infinite, ogni famiglia ne tramanda una, la mia la scriverò nel prossimo post ma oggi vi voglio lasciare una piccola variazione che, MIRACOLO, MIRACOLO, è stata mangiata dal “Signore che non ama i dolci”, anzi, devo dire spazzolata.

Si tratta di usare la pasta delle frappe per realizzare dei fagottini ripieni e rigorosamente fritti.

SONY DSC

FRAPPE INFAGOTTATE

ingredienti del ripieno

per 500 gr di pasta per frappe ho usato:

  • 100 gr di uva sultanina
  • 80 gr di mandorle intere tritate grossolanamente
  • 80 gr di gherigli di noce tritati grossolanamente
  • 80 gr uvetta quella piccola piccola (non mi ricordo mai il suo nome!)
  • due cucchiai di miele (quello che vi piace di più)
  • 1/2 cucchiaino di cannella

nulla vieta di metterci anche dell’altro, come pinoli, albicocche secche, nocciole tritate, mirtilli ecc. ecc.

SONY DSC

procedimento

  • stendere la pasta e ritagliare dei quadrati
  • mettere in acqua bollente le due qualità di uva sultanina (se volete ubriacarle aggiungere un po’ di liquore a vostra scelta)
  • mescolare le uvette (dopo averle strizzate per bene) le noci, le mandorle, la cannella e i due cucchiai di miele
  • mettere il composto al centro del quadrato di pasta e chiuderlo a triangolo, come se fosse una piccola busta
  • friggere in olio bollente (ho usato quello di arachidi) scolare bene e spolverizzare con zucchero a velo (non aromatizzato se avete usato nell’impasto la cannella, altrimenti, se l’impasto ha solo l’aroma del miele, usate lo zucchero vanigliato)

bisogna nasconderle, altrimenti si finisce che si cena solo con i fagottini fritti ……

SONY DSC

Annunci