prima che la neve si sciolga

montblanc cover copia

L’estate 2012 è ancora lì dietro l’angolo e già è passato il natale, l’epifania, il carnevale e stiamo quasi a pasqua. Quando non passa mai e quando passa troppo in fretta, il TEMPO!

E prima che spunti l’erbetta dalle nevi sciolte, ho anche io la mia personale ricetta del Montblanc, dolce che adoro per tutte le soffici consistenze.

SONY DSC

Di ricette e versioni in giro ce ne sono molte, anche le forme, le scomposizioni di questa golosa montagnola, ma io sono fedele alla costruzione classica, quella che vede la stratificazione che va dal basso con la parte più croccante, le meringhe, poi lo strato più soffice, la panna, rigorosamente non dolce e non vanigliata, per finire con i trucioli di purea di castagne con una spruzzata di zucchero a velo e granella di zucchero aromatizzate alla violetta, perchè mi piace l’idea che sbuchi il colore della viola dalla massa marroncina, una specie di dolce fioritura inattesa.

SONY DSC

 

Devo dire che con l’opportunità di trovare le castagne, i marroni, surgelati, facilita l’esistenza e soprattutto si ha la possibilità di realizzare questo dolcetto anche fin dopo pasqua, alla faccia dell’autunno. E poi, avete provato a lessare le castagne e a sbucciarle? Una prova di coraggio notevole. La mia ricetta perciò sarà  con i marroni surgelati e quindi un procedimento tutto personale.

 

SONY DSC

 

RICETTA DEL MONTBLANC

ingredienti per la purea di castagne

  • 500 gr di marroni surgelati
  • mezzo litro di latte intero
  • 250 gr di zucchero semolato
  • un pizzico di sale

procedimento

  • mettere in una pentola antiaderente il latte a scaldare e poi successivamente le castagne (anche surgelate, va bene lo stesso) e un pizzico di sale
  • far assorbire il latte (a volte ne serve un po’ di più) e schiacciare le castagne con un passino
  • aggiungere lo zucchero e cuocere per qualche minuto fino a che lo zucchero non è sciolto
  • a questo punto molti aggiungono un po’ di cacao amaro, tipo un cucchiaio, io no, voglio sentire il sapore pulito delle castagne e quindi non aggiungo neanche altre varianti speziate, come cannella o vaniglia, che trovo stucchevoli.
  • lasciar raffreddare la purea e nel frattempo, se non il giorno prima, realizzare le meringhe (o andate a comprarle in pasticceria, tanto nessuno, una volta frantumate, capirà se sono le tue o no…. o quasi)
  • montare bene la panna e proseguire con il montaggio:
  1. uno strato inferiore di meringa frantumata grossolatamente
  2. uno strato molto alto di panna
  3. infine far cadere i trucioli della purea di castagne sopra il piccolo tumulo dolce.
  4. spolverare con zucchero a velo e guarnire con granella di zucchero alla violetta, in alternativa sbriciolare dei marron glassé

n.b. se non si consuma subito non spolverare con lo zucchero a velo, perchè viene assorbito subito dalle castagne.

SONY DSC

Annunci