path cake

pathcake_4

Un pellegrinaggio nel/con/per il paesaggio quello che Serena ha fatto nel suo lavoro di dottorato.

Un lungo viaggio fisico e di studio che è finito come doveva finire, con una torta.

Serena è una giovane amica dalle mille energie e risorse: canta da soprano nel coro di Marta, cucina in modo professionale, ha preso una laurea in scienze forestali e poi un’altra in architettura del paesaggio, insomma se ha mille progetti in testa, diecimila li realizza. Dimenticavo…. è un’autentica toscanaccia.

E poi il dottorato. Dal suo studio ne esce un lungo racconto che lei “percorre” fisicamente camminando tra i paesaggi che i pellegrini della via Francigena percorrevano da Roma al passo del san Bernardo.

E qui che Serena con il prode, calmo e rassicurante, ma risoluto Lucio, compagno a 360 gradi, costruisce la sua esperienza da neo paesaggista e dottoranda, attraversando valli, pianure, fiumi, paesi, colli e montagne, boschi e sentieri bucolici, ma anche brutte periferie, svincoli e paesaggi di capannoni industriali, con l’intento di registrare mutamenti e persistenze, scoperte belle e a volte brutte, e testimoniare come il nostro paese, o quanto meno un pezzo del nostro paese, si presenta oggi ad una modalità di percorrenza, o meglio di velocità dimenticata, quella del camminare a piedi.

pathcake_2

Il suo cammino è un pellegrinaggio quasi laico nel senso che lo fa per e dentro il paesaggio, lo guarda, lo annota, lo interroga, ne amplifica con la lentezza gli elementi, le forze, le permanenze quanto le mutevolezze.

E lo fa da persona positiva e studiosa annotando tutto in presa diretta in un bel racconto che tappa per tappa nell’estate del 2011, ci ha regalato in un blog aperto proprio per documentare questo cammino. (http://francigenastreetview.wordpress.com).

Ora che è tutto finito (anzi qui comincia la vera avventura) è giunto il momento di festeggiarla allegramente tutti insieme e di ringraziarla per l’autentica vivacità ed intelligente disincanto che regala a noi che abbiamo la fortuna di conoscerla.

E come festeggiarla se non con un piccolo plastico/model/maquette dolce?

pathcake_3

Ed ecco l’idea di riprodurre il tragitto da Roma al san Bernardo passando per valli e colline, fiumi e città con una cake stretta e lunga come il suo tragitto, nel quale ritrovare alcuni landmark, come la cupola di san Pietro, i laghi laziali, San Gimignano, la Torre di Pisa, la Pianura Padana con il Po e poi le Alpi, fin su, nel punto più alto dove termina il percorso italiano della Francigena.

Insomma la pathcake di Serena può anche essere annotata come una landscapecake di quelle che ci piacciono mangiare con gli occhi e con la bocca.

In bocca al lupo Serena, ora viene il bello!

pathcake_1

ps…… domani, appena ritrovo il disegno della torta lo aggiungo

Annunci